MENU

PIATTO DOCCIA SI…MA QUALE?

PIATTO DOCCIA SI…MA QUALE?

Devi scegliere il piatto doccia ma sei confuso tra tanti nuovi materiali? Una volta tutto era più semplice…c’era solo il classico piatto doccia in ceramica bianca! Diverse tipologie e modelli possono confondere il consumatore e proprio per quanto riguarda il piatto doccia le cose si complicano un po’ agli occhi di chi non è molto pratico e non conosce nello specifico l’offerta del mercato.
Oggi nella scelta del piatto doccia occorre valutare tre elementi: forma, spessore e materiale. La forma può essere rettangolare, rotonda o ad angolo; molto dipende dal gusto personale e dallo spazio a disposizione. Per quanto riguarda lo spessore, bisogna tener conto che se il bordo del piatto doccia è minimo, il foro dello scarico sarà maggiore per consentire all’acqua di defluire senza difficoltà. Il piatto doccia può quindi essere a filo col pavimento, ovvero un proseguimento dello stesso; a incasso, con un bordo molto sottile; da appoggio, caratterizzato da uno spessore ben visibile con bordo più alto rispetto al pavimento. Per quanto riguarda i materiali ci troviamo a dover decidere tra ceramica, acrilico, resina, acciaio, quaryl… Diamo un’occhiata insieme ai pro e i contro dei diversi piatti doccia, alle loro caratteristiche tecniche ed estetiche.
Li riporto in ordine alfabetico per essere il più imparziale possibile..

ACCIAO:

I piatti doccia in acciaio smaltato sono solidi, durevoli ed estremamente igienici. Sono disponibili in moltissime forme e misure e in una gamma quasi infinita di colori. Sono totalmente riciclabili e atossici. Vengono prodotti unendo la robustezza dell’acciao e la durezza dello samlto in vetro ceramico. Questo fa si che il prodotto sia estremamente resistente a graffi e urti. Al contrario di quello che si può pensare sono molto piacevoli al tatto. Per quanto riguarda il prezzo è allineato più o meno a quello della ceramica e delle resine

ACRILICO:

I piatti doccia in acrilico hanno l’indubbio vantaggio di essere più economici rispetto agli altri materiali. Sono inoltre antiscivolo, molto leggeri e quindi rendono molto facile la posa. Sono oggi reperibili in moltissimi modelli e dimensioni anche di finiture moderne che possono essere installate a filo del pavimento. Per contro l’acrilico è un materiale abbastanza poroso che con il tempo rischia di ingiallire se esposto ai raggi UV. Non può entrare in contatto con candeggina, acetone, potenti smacchiatori o disinfettanti aggressivi. C’è inoltre il rischio che sui grandi formati il piatto tenda a flettere provocando microfessurazioni nelle intersezioni con le paret che potrebbero dar vita a infiltrazioni. Per ovviare a questo problema Kohler ha realizzato il piatto doccia Flight che è composto da due fogli metacrilati, uno interno e uno esterno, all’interno dei quali vi è un corpo in pietra acrilica che lo rende estremamente robusto.

CERAMICA:

È il materiale che meglio conosciamo e negli ultimi anni è stato reinventato con spessori ridotti e nuove finiture. E’ molto resistente, si graffia raramente e può essere sottoposto a temperature estreme senza subire modifiche di forma e colore. I piatti doccia in ceramica hanno inoltre un ottimo rapporto qualità prezzo, sono estremamente igienici e facili da pulire. Tendono però a essere scivolosi e risultano freddi al tatto anche se riescono a mantenere il calore dell’acqua a lungo.

QUARYL:

Quaryl è nuovo materiale composto dal 60% di cristalli di quarzo e 40% di resina acrilica, dando origine a un materiale estremamente duraturo e resistente. Il Quaryl è resistente a graffi ed urti e ai raggi UV e dona una brillantezza ed una lucentezza che dura nel tempo. Risulta molto semplice da pulire poiché la superficie non è porosa, è inoltre antiscivolo, termico e fonoassorbente. Il Quaryl teme però le alte temperature e i detergenti aggressivi. E non è tra i piatti doccia più economici.

RESINA:

Consiste in una resina unita a miscele minerali. E’ Disponibile in tantissimi colori e texture ,oltre che con spessori praticamente inesistenti. I piatti doccia in resina sono antisdrucciolo, antibatterico e resistenti ad urti e macchie. Inoltre sono colorati in massa e quindi ripristinabile anche nel caso in cui si dovesse scheggiare o rigare. Ne esistono tantissime misure, inoltre usando un disco diamante si può tagliare il piatto in cantiere per qualsiasi necessità. Di contro patiscono le temperature molto elevate e gli schock termici. Inoltre possono ingiallire leggermente con l’esposizione al sole.
Abbiamo fatto insieme una carrellata di alcuni dei tanti piatti doccia oggi disponibili in commercio. Spero di averti chiarito un po’ le idee… Non ti resta che scegliere il materiale che più rispecchia il tuo gusto estetico e le caratteristiche tecniche desiderate. Buona scelta!